BRACCO PRO PATRIA VOLLEY MILANO – VOLLEY GARLASCO 3-2 (25-22/19-25/19-25/28-26/15-13)

BRACCO PRO PATRIA VOLLEY MILANO: Giacomini, Pagnin (K), Sisti (L1), Zola, Garzero, Bassani, Migliore, Betti, Passuello, Massa, Scandella, Migliorin, Amadasi, Mandotti (L2). All. Brugnone

VOLLEY GARLASCO: Ghia, Ferrari (L1), Colombo (L2), Sala, Kovacova, Favaretto, Cagnoni (K), Citterio, Conforto, Gulli, Armondi, Magani. All. Angelescu

Il primo round del tanto atteso “scontro” tra le due big del girone b1 della B2 se lo aggiudicano Barbara Pagnin e compagne dopo un’interminabile e spettacolare maratona di volley, durata quasi due ore e mezza, a cui è mancata solo una degna cornice di pubblico.

Due squadre straordinarie hanno onorato lo storico scenario del palaNatta. In campo atlete di assoluto valore dirette dalla panchina da due esperti registi di questo sport come Brugnone e Angelescu. Una menzione doverosa spetta a Katarina Kovacova, non solo per i suoi 28 punti realizzati, ma anche per il suo incantevole repertorio di colpi di straordinaria bellezza.

Primo set equilibrato e con le squadre intente a studiarsi fino al 12-12. Basta, poi, un lampo di Migliorin, seguita da Amadasi e Scandella, per avviare la fuga fino alla conquista del primo set.

Cambia la musica nelle due frazioni successive con Volley Garlasco abile a ribaltare il punteggio.

Esce allo scoperto l’intramontabile, otre che quasi indifendibile, Kovacova che nel secondo e terzo set colleziona ben 14 punti!

Subito allungo delle pavesi fino al 7-1 poi si sblocca la Pro Patria che si porta ad una sola lunghezza dalle ospiti (11-12). Il match prosegue tra alti e bassi da entrambe le parti della rete ma alla fine la spuntano Gulli e compagne.

Con il cambio campo si assiste allo stesso epilogo del precedente periodo di gioco: Scandella e Migliorin cercano di tenere testa a Citterio e Kovacova ma sono quest’ultime a spuntarla e portare il risultano sul 2-1 a proprio favore.

Quarta frazione di gara al cardiopalma! Ci si aspetta il pronto ed inevitabile riscatto delle ragazze di Brugnone e così è. Pagnin sale in cattedra e scatena la mano di Giacomini (10 punti) e quella di Zola (5 punti di cui 2 a muro) che consentono alla formazione di casa di fuggire fino al 23-14. Quando s’inceppa qualcosa nel sestetto della Pro Patria Garlasco ricuce tutto lo svantaggio e si porta addirittura avanti! Il finale è palpitante ma viene risolto ancora dalle due protagoniste di casa sopracitate: Giacomini e Zola.

Nell’ultimo e decisivo set la Bracco Pro Patria, rigenerata dal finale del precedente, continua sulla stessa linea fino al 10-5 quando alcune decisioni arbitrali innescano nervosismo nella formazione di casa e fiducia nelle avversarie. Garlasco, ancora una volta, recupera tutto lo svantaggio. La Pro Patria non ci sta e rispunta Scardella che chiude l’interminabile partita a suo favore.

Nel prossimo weekend entrambe le squadre sono attese da un derby. Garlasco ospiterà Certosa mentre la Bracco Pro Patria sarà ancora di scena tra le mura amiche (fischio d’inizio ore 20,30) nel derby meneghino contro il Gonzaga Milano.

Il commento a caldo dell’ex di turno e capitana della Bracco Pro Patria volley Milano Barbara Pagnin.

“Eravamo pronte ad affrontare una battaglia e così è stata fin dall’inizio. Durante la settimana avevamo preparato bene questo match. Sapevamo che sarebbe stata dura conoscendo il valore di Garlasco ma siamo state brave a rimanere sempre attaccate alla partita, attente e concentrate. Abbiamo dimostrato che quando uno splendido gruppo, come il nostro, non smette di crederci e lo fa fino in fondo, sempre insieme, possono accadere grandi cose.”

Avanti così. Forza Pro!”

Claudio Cornalba

#SiamoLaPro #WePlayTheFuture

Tags

Share Now

About Author

Related Post